Rispetto per l’ambiente

Il nostro impegno è guidato da sistemi di gestione che ispirano tutte le attività per un indispensabile rispetto del pianeta

Il nostro impegno è guidato da sistemi di gestione che ispirano tutte le attività per un indispensabile rispetto del pianeta

Riduzione delle emissioni, consumo di energia alternativa e rinnovabile, recupero dell’acqua nel ciclo produttivo, uso di materiali riciclati, massimizzazione del recupero dei rifiuti prodotti: nella definizione delle nostre strategie diamo grande valore all’utilizzo di processi, tecnologie e materiali per una riduzione di consumi energetici e risorse naturali.
icon-04

605 kg/t

materiale cementizio

Emissioni CO2 specifiche scope 1 nette (2022)

icon-05

433 mila

tonnellate

Materiali di sostituzione per la produzione di calcestruzzo (2022)

Cambiamento climatico, energia ed emissioni di CO2

Riconosciamo l’importanza degli sforzi messi in atto dalla comunità internazionale per limitare i cambiamenti climatici…

Economia circolare

Anche nella produzione del cemento è possibile adottare buone pratiche nel rispetto dei principi di economia circolare…

Salvaguardia dell’ambiente

Nei nostri processi, l’acqua è un elemento insostituibile. È fondamentale per ridurre la temperatura dei gas…

Cambiamento Climatico, Energia ed Emissioni di CO2

Buzzi è impegnata nella mitigazione dei cambiamenti climatici e nella rendicontazione trasparente della sua strategia di gestione dei rischi e delle opportunità ad essi correlati

Buzzi è impegnata nella mitigazione dei cambiamenti climatici e nella rendicontazione trasparente della sua strategia di gestione dei rischi e delle opportunità ad essi correlati

Riconosciamo l’importanza degli sforzi messi in atto dalla comunità internazionale per limitare i cambiamenti climatici. Per questo ci impegniamo ogni giorno a ridurre le emissioni di CO2 dei nostri stabilimenti, nel rispetto degli obiettivi fissati dalle politiche internazionali sul clima.
Logo politica sul cambiamento climatico

Assicurare a tutti l’accesso a sistemi di energia economici, affidabili, sostenibili e moderni.

Costruire un’infrastruttura resiliente e promuovere l’innovazione ed una industrializzazione equa, responsabile e sostenibile.

Garantire modelli sostenibili di produzione e di consumo.

Promuovere azioni, a tutti i livelli, per combattere il cambiamento climatico.

Il nostro percorso di decarbonizzazione

Il nostro consumo di energia per la produzione di cemento nel 2022

La produzione del cemento e del suo componente di base, il clinker, è un processo che richiede un elevato quantitativo di energia. Scopri di più navigando il grafico.

Energia Termica La produzione del cemento, e in particolare del clinker, richiede un notevole impiego di energia termica, fornita dai combustibili. Per produrre clinker con buone proprietà serve infatti raggiungere la temperatura di circa 1.450 °C.
Energia Termica
88,4%
Energia Elettrica Il consumo di energia elettrica è principalmente dovuto alla preparazione delle materie prime, al processo di cottura del clinker e alla macinazione del cemento. Corrisponde a circa il 12% dell’energia totale consumata.
Energia Elettrica
11,6%
104.757 TJ Consumo di energia per la produzione di cemento nel 2022

Scopri di più sulle nostre performance

Economia circolare

Una risorsa importante: i materiali di recupero da altri processi industriali

Una risorsa importante: i materiali di recupero da altri processi industriali

Anche nella produzione del cemento è possibile adottare buone pratiche nel rispetto dei principi di economia circolare: alcune materie prime naturali possono essere sostituite con materiali di scarto derivanti da altri processi industriali.
Con il ricorso alla co-combustione dei combustibili derivati da rifiuti, realizziamo un pieno recupero di energia e materiale e una minor emissione di inquinanti: una soluzione più sostenibile rispetto alla termovalorizzazione, all’incenerimento o allo smaltimento in discarica. Un contributo concreto alla riduzione delle emissioni di CO2 globali riducendo l’uso di combustibili fossili.
La produzione di calcestruzzo rientra anch’essa nel processo virtuoso di economia circolare grazie all’utilizzo di rifiuti da costruzione e demolizione opportunamente trattati, come, ad esempio, gli aggregati di riciclo.
Scarti della lavorazione dell’acciaio e residui di produzione di acido solforico possono essere utilizzati al posto dei minerali di ferro. Il gesso chimico, ottenuto dal trattamento dei gas di combustione delle centrali elettriche può sostituire il gesso naturale mentre scorie e ceneri volanti possono essere parzialmente utilizzate al posto di clinker e pozzolana.
ICONE_BUZZI_v2_4

9,4%

Materie prime per la produzione del cemento derivante da materiale di recupero (2022)

ICONE_BUZZI_v2_5

1,7%

Materiali non naturali e di recupero usati in calcestruzzo (2022)

Scopri di più sulle nostre performance

Salvaguardia dell’ambiente

Quando possibile, il riciclo di acqua già precedentemente utilizzata nel processo è sempre prioritario. Sistemi di recupero dell’acqua piovana permettono di ridurre l’utilizzo di acqua proveniente da altre fonti

Quando possibile, il riciclo di acqua già precedentemente utilizzata nel processo è sempre prioritario. Sistemi di recupero dell’acqua piovana permettono di ridurre l’utilizzo di acqua proveniente da altre fonti

Nei nostri processi, l’acqua è un elemento insostituibile. È fondamentale per ridurre la temperatura dei gas in uscita dal forno e del cemento durante la macinazione, per abbattere la polvere diffusa negli impianti e per il raffreddamento di motori e macchinari. Inoltre, è uno degli ingredienti principali del calcestruzzo. Tuttavia, opportunamente dosata, può provenire da fonti di recupero, quali ad esempio l’acqua meteorica e di lavaggio.
Oltre alla riduzione delle emissioni di CO2, incentiviamo processi, tecnologie e materiali che consentono di limitare e ridurre le altre principali emissioni legate alla produzione di clinker (polvere, NOx e SO2). Le emissioni di polveri al camino vengono ridotte grazie all’installazione di filtri di ultima generazione. Gli ossidi di azoto (NOx), derivanti dalla combustione all’interno del forno, sono contenuti per mezzo di diversi sistemi di abbattimento, con soluzioni di urea o ammoniaca e bruciatori Low-NOx. Infine, teniamo sotto controllo le emissioni di SO2, dovute allo zolfo contenuto nelle risorse naturali e nei combustibili, imponendo vincolanti limiti all’acquisto di materie prime e combustibili.

Scopri di più sulle nostre performance 2022